“Il migrante che porta il freddo in Africa”. Bella intervista de “Il Fatto Quotidiano” al Docente Centro Studi Galileo Madi Sakande

Originario del Burkina Faso e bolognese di adozione Madi Sakande ha rilevato nel 2011 la New Cold System, storico marchio del settore della refrigerazione e climatizzazione industriale che impiega 10 persone con un consolidato di 2 milioni di euro.
L’azienda si occupa della progettazione, realizzazione e commercializzazione dei componenti. La specializzazione nella componentistica di alta qualità ha portato New Cold ad essere definita negli anni “La sartoria del Freddo”.
Sakande è stato premiato dalla Presidente della Camera Laura Boldrini come “Miglior imprenditore straniero in Italia” nel contesto del prestigioso premio Money – Gram Award e in passato è stato vincitore all’Italy Excellence Award come “Miglior Imprenditore Africano d’Italia”.
E’ inoltre docente e consulente per la certificazione dei tecnici e delle aziende a norma CE 303/08, impegnandosi attivamente per la diffusione della catena del freddo in Africa. Ha svolto per conto del Centro Studi Galileo corsi in Africa, in particolare in Benin e Tunisia.
Una bella intervista de “Il Fatto Quotidiano” ci racconta qualcosa in più della sua vita e delle sue aspirazioni. La riportiamo integralmente nelle immagini di testata.
Buona lettura

 

 

A Tunisi per formare Tecnici del Freddo. La nuova missione internazionale di Centro Studi Galileo

La National Ozone Unit della Tunisia ha diffuso tramite i suoi canali ufficiali le foto della prima sessione di formazione degli istruttori del Centro di Formazione settoriale Ibn Sina nell’ambito del programma di eliminazione degli hcfc in Tunisia (Hpmp). 
Il Corso è stato affidato, visto il curriculum vastissimo di corsi internazionali, a Centro Studi Galileo che ha incaricato del viaggio in maghreb il docente Luca Rollino.
Centro Studi Galileo, in collaborazione con l’Associazione dei Tecnici italiani del Freddo, organizza corsi in tutto il mondo (Sri Lanka, Thailandia, Ethiopia, Eritrea, Rwanda, Benin, Tunisia, Gambia, Montenegro, Bosnia – Erzegovina, Turchia, Nazioni Ex Unione Sovietica, Bielorussia, Ukraina, Uzbekistan, Tajikistan, Ghana, Colombia, Stati Uniti d’America, Nigeria) sotto l’egida delle Nazioni Unite.

Fumo nel vagone. Treno evacuato. Colpa del condizionatore.

 

maxresdefaultStazione Santa Lucia di Venezia, venerdì, ore 18. Un fumo intenso invade un vagone ferroviario e fa scattare gli allarmi. Si pensa ad un incendio a bordo e i passeggeri si affrettano a trovare riparo nelle carrozze adiacenti.
I Vigili del Fuoco intervengono prontamente e scoprono che non si tratta di incendio ma di un problema con l’impianto di aria condizionata che emette copiosamente fumo scuro.
La carrozza viene staccata e isolata senza particolari conseguenze per cose e persone.
L’episodio riporta l’attenzione sulla necessità di manutenzione continua degli impianti e sull’importanza di qualificare i Tecnici del settore.

AREA offre un nuovo Registro delle Apparecchiature per la raccolta dei dati. Scaricalo gratuitamente qui.

logo-AREA-vectorAREA ha sviluppato un nuovo foglio di calcolo che servirà come strumento a imprese e clienti per adempiere agli obblighi di conservazione dei dati ai sensi del regolamento F-Gas. L’articolo 6 del regolamento 517/2014 sui gas fluorurati richiede agli operatori HVAC di tenere un Registro per le apparecchiature sottoposte a regolare controllo delle perdite di Gas Refrigerante. I documenti devono contenere informazioni complete relative alle attrezzature e al refrigerante utilizzato durante l’installazione, la manutenzione, la riparazione e alla fine del ciclo vita.
Al fine di semplificare la procedura e favorire la tenuta dei registri, AREA ha sviluppato questo semplice foglio di calcolo da utilizzare per restare in linea con i requisiti normativi.
Il Logbook area può essere scaricato gratuitamente sul sito web AREA (www.area-eur.be) cliccando qui. Sul portale AREA si possono trovare anche documenti di orientamento su vari argomenti e in particolare sulla legislazione comunitaria in materia di F – Gas. Continua a leggere

Edizione Speciale di Industria&Formazione con le Nazioni Unite per Chillventa

Anche quest’anno le Nazioni Unite ci hanno chiesto di pubblicare il numero speciale biennale “International Special Issue” della rivista Industria & Formazione, che sarà distribuito in 10.000 copie a ChillVenta  e alla Conferenza del Protocollo di MontrealMOP27 di Kigali. Viene inoltre distribuito ai seguenti destinatari:

  • principali aziende italiane e europee del settore
  • in formato sfogliabile elettronico a più di 100.000 nominativi delle aziende del freddo presenti nei database CSG, Nazioni Unite e International Institute of Refrigeration
  • tutti gli operatori membri delle associazioni europee EPEE, AREA e alle rispettive associazioni nazionali del freddo e del condizionamento
  • Capi di Stato dei 180 Governi firmatari del Protocollo di Kyoto e tutti gli operatori del settore; l’UNEP ha sempre distribuito l’International Special Issue a tutti i convegni ONU sui cambiamenti climatici.

Sotto potrete visionare le quotazioni per diventare Partner della pubblicazione. Per maggiori dettagli, formule pubblicitarie personalizzate e speciali esigenze contattare il Centro Studi Galileo al numero 0142452403

image

La quota di listino per n. 1 pagina a colori su International Special Issue 2016/17 è pari ad Euro 2.200,00 + IVA .Per maggiori dettagli, formule pubblicitarie personalizzate e speciali esigenze contattare il Centro Studi Galileo al numero 0142452403

Come influirà Brexit sulla normativa F-Gas nel Regno Unito?

19faa0b4c3e41549e97feaf783fe001d39117049In molti a seguito del risultato referendario che ha sancito l’uscita dall’UE del Regno Unito si sono chiesti come di conseguenza sarà gestita nel futuro l’uniformità della regolamentazione F-Gas.
Fonti anglosassoni rivelano che nonostante l’esito del referendum UE, l’industria di raffreddamento non vedrà nessun cambiamento alle normative che riguardano l’uso di gas fluorurati refrigeranti (F-Gas) o l’obbligo di registrazione.
Il regolamento sui Gas Fluorurati emanato da Bruxelles è stato infatti all’epoca recepito direttamente dal governo britannico ed è quindi diventato parte del sistema giuridico dello Stato. Continua a leggere

La corretta conservazione dei cibi. Il sistema a ioni d’argento per banchi refrigerati

Molte volte ci siamo soffermati sull’importanza di un corretto processo di conservazione dei cibi che permette di combattere la malnutrizione nel sud del mondo e malattie dell’apparato digerente e infezioni nelle nazioni sviluppate. Un sistema elaborato al proposito da Epta Group è il trattamento antibatterico per banchi tradizionali agli ioni di argento, ideale per migliorare la qualità e la salubrità degli alimenti e preservarne le caratteristiche organolettiche. All’interno del banco i materiali che costituiscono la vasca sono trattati già in fase di estrusione, mentre le parti interne sono ricoperte con una speciale vernice che sfrutta le proprietà degli ioni d’argento. Il principio attivo dell’argento è uno dei più antichi antisettici utilizzati, in grado di inibire lo sviluppo dei batteri: negli ultimi anni, grazie all’evoluzione delle nanotecnologie è stato possibile applicarlo anche a queste particolari soluzioni.

Primo corso ed esame Real Alternatives a Edimburgo

CqsCCG2W8AAfl74

Il Docente Marco Buoni ad Edimburgo

Il VicePresidente AREA Marco Buoni è stato docente ed esaminatore del primo corso Real Alternatives ad Edimburgo. Il progetto, voluto dalla Commissione Europea DG Clima, mira ad aumentare le competenze dei Tecnici e le tecnologie disponibili in tutte le Nazioni dell’Unione ottemperando quindi alla richieste della regolamentazione europea 517/2014.
I nuovi refrigeranti hanno la caratteristica positiva di essere eco-friendly ma sono, a differenza dei predecessori, leggermente infiammabili. Richiedono quindi una preparazione specifica che tuteli i Tecnici e i consumatori finali.
Cliccando sull’immagine sottostante si potranno visualizzare le slide presentate dall’Ing. Buoni nel corso del suo intervento

image

 

 

La tecnologia applicata ai frigoriferi. Date di scadenza dei cibi e contenuto direttamente sullo smartphone

 

frigorifero-samsung-family-hub-1La tecnologia è spesso ingombrante, ridondante nell’impiego eccessivo dei social e degli smartphone. Tuttavia può essere molto utile se utilizzata con criterio. Uno di questi modi è il frigorifero intelligente che a fronte di poche migliaia di pezzi venduti in Europa ha fatto il pieno nelle case cinesi con circa un milione di pezzi distribuiti.
Questi gioeilli di tecnologia hanno telecamere interne da visionare al supermercato durante la spesa e sensori che avvisano della scadenza dei cibi. Il tutto comodamente gestibile da smartphone o tablet.
Secondo i costruttori italiani entro 5 anni i frigoriferi connessi saranno il 56% e secondo Acquity Group e Accenture Interactive, riporta Il Sole 24 Ore, il 30% dei consumatori mondiali possiede o prevede di acquistare un dispositivo domestico intelligente entro i prossimi 2 anni e il 70% entro i prossimi 5  con un picco del 59% per i frigoriferi.